www.EAF51.org

 

 

 LE UNIFORMI DELLA REGIA AERONAUTICA ITALIANA 

THE UNIFORMS OF THE ITALIAN REGIA AERONAUTICA

 

 

 

 

Piloti del 150° Gruppo Bombardieri, con la combinazione

di volo da alta quota, Scutari, 1940.

Fin dall'inizio delle ostilità gli equipaggi Italiani erano

dotati di equipaggiamenti obsoleti e non paragonabili 

a quelli delle aeronautiche tedesca ed alleata

 

A pilot of 51° Stormo with wearing the

flying suit of Regia Aeronautica

 

(Source: picture scan from Emilani - Ghigo _ Vigna - Regia Aeronautica:  Il Settore Mediterraneo - Ed: Intergest, 1976)

 

 

 

 

 

 

L'equipaggio di un bombardiere Italiano.

Aereo, data e località sconosciute.

Probabilmente si tratta di piloti del C.A.I. in Belgio.

Si noti l'anacronistico giubbotto salvagente a 

salsicciotto della Regia aeronautica

 

Italian Bomber crew, with Italian life jacked

Place, plane and date unknow

 

(Source: www.ww2incolor.com)

 

 

 

 

 

 

 

Un pilota del 51° Stormo indossa la combinazione di volo 

della Regia Aeronautica. Notare la Marus ed i razzi 

di segnalazione sul cosciale

 

A pilot of 51° Stormo with wearing the

flying suit of Regia Aeronautica

 

(Source: Courtesy by Ferdinando D'Amico)

 

 

 

 

 

Un pilota del 160° Gruppo (Grecia, 1940) si prepara per 

salire a bordo del suo Cr.42 aiutato da uno specialista.

 

A pilot of 160° Gruppo getting ready for take off 

Greece, 1940

 

(Source: scan from Italian Aces of WW2, Osprey Publishing)

 

 

 

 

 

Alcuni piloti del 150° Gruppo Caccia, 365a Squadriglia, a Sciacca 

nella primavera 1943. Alle spalle si intravede uno dei Me109 G6 

in dotazione alla Squadriglia. In queste foto, si può notare che 

la divisa di volo, nei reparti, era un concetto MOLTO personale!!

 

A few pilots belonging to 356a Squadriglia, 150° Gruppo Caccia 

at Sciacca (Sicily), spring 1943The concept of "Uniform" within 

the Regia Aeronautica was a very "customized" and personal conceptIn fact there is not an uniform similar to the other!

  

(Source: courtesy by Ferdinando D’Amico)

  

 

 

 

 

 

 

I piloti spesso vestivano i sandali anche in volo, spesso al di sotto degli stivali foderati in pelliccia. I giubbetti di salvataggio sono di provenienza tedesca

 

Very often Italian pilots were wearing sandals, under the

 flight boots. Life jacket are German.

  

(Source: courtesy by Ferdinando d’Amico)

 

 

 

 

 

 

 

Questa si chiama Eleganza!!

 

Elegance and Italian Style!

 

(Source: courtesy by Ferdinando D'Amico)

 

 

 

 

 

 

 

Gli "Alti Papaveri" 

 

Top Brasses!

 

(Source: courtesy by Ferdinando D’Amico)

 

 

 

 

 

 

 

Alcuni piloti in tenuta di volo (tutti uguali!!), con la mascotte!

 

Some pilots waiting for scramble, with their mascotte

 

(Source: courtesy by Ferdinando D’Amico)

 

 

 

 

 

 

Salendo nel cockpit. Notare il paracadute "Salvador".

 

Climbing into the cockpit

 

(Source: courtesy of Ferdinando D'Amico)

 

 

 

 

 

 

  

L'equipaggio di un S.79 della 278a Squadriglia AS

I salvagente sono già quelli di provenienza tedesca

 

S.79 Torpedo bomber crew, with german life jackets

  

(Source: scan from Emiliani, Ghergo,Vigna - La Regia Aeronautica:

il settore Mediterraneo - Ed. Intergest, 1976)

 

 

 

 

 

  

 

Piloti di aerosiluranti, con giubbotti salvagente tedeschi

 

Torpedo bomber crew, with german life jackets

 

(Source:Scan from  Emiliani, Ghergo, Vigna - 

Aviazione Italiana - ed. Albertelli)