MINI MEETING NON VIRTUALE DEL 51° STORMO EAF 

Sabato 14 Giugno 2002

Museo G. CAPRONI: Aeronautica Scienza e Innovazione  (Trento)

The Story

"Tre anelli ai Re degli Elfi sotto il cielo che risplende,

Sette ai Principi dei Nani nelle lor rocche di pietra,

Nove agli Uomini Mortali che la triste morte attende,

Uno per l'Oscuro Sire chiuso nella reggia tetra

Nella Terra di Mordor, dove l'Ombra nera scende.

Un Anello per domarli, Un Anello per trovarli,

Un Anello per ghermirli e nel buio incatenarli,

Nella Terra di Mordor, dove l'Ombra cupa scende."

No, scusate, penso di avere sbagliato ancora storia........

Allora, la nostra inizia cosi....

L'avventura si svolge in una calda giornata di giugno, i nostri intrepidi del 51°, decimati dagli impegni, weekend al mare, mogli, figli e commesse in ferie, decidono di partecipare, sia pur in numero ridotto, al mini meeting di Trento, presso il Museo G. Caproni.

Gli equipaggi sono formati dall’intrepido Comandante Bear e dal compagno di tante avventure Chip, partiti dalla base di Milano. Dal profondo Nord-est, Il Comandante Italo partito dalla base di Gorizia con waypoint su Istrana dove si congiunse Lancaloc, in perfetta formazione serrata.

Durante il viaggio, i nostri decidono di circuitare sul waypoint dell’area di servizio autostradale, infatti, pur non essendo prevista la sosta, i nostri equipaggi, si sono trovati in perfetto orario di tempi e rotta, quindi, parcheggiati i mezzi, si incamminavano baldanzosi alla cassa del bar!

Ristorati dalle consumazioni, i nostri prodi, lasciavano il bar, non senza aver infranto i cuori di balde ragazze teutoniche dalle trecce al vento, che svolazzando fazzoletti in segno di saluto, dicevano addio agli eroi, che continuavano la loro missione, giungendo finalmente dopo poco tempo sull’obbiettivo!

L’aeroporto turistico di Trento era collimato!!

Accolti da un caldo mariano (leggi della Madonna!!), entravano nel museo, pregustando la visione dei veicoli, le descrizioni, le foto e pensando alle eroiche imprese, dei loro colleghi del tempo passato, che volavano realmente con le macchine volanti esposte.

Il primo impatto, è stato di confusione organizzata, infatti, le scarse dimensioni del museo, hanno costretto gli organizzatori a mettere letteralmente gli aerei uno sull’altro!!

In attesa che la Regione sblocchi gli stanziamenti per la costruzioni di un nuovo hangar, visto che hanno ancora 40 aerei in deposito, pronti per l’esposizione.

Questo non toglieva però, la visione d’insieme, purtroppo, all’interno non si potevano scattare foto con il flash, quindi perdonate se alcune non sono chiarissime.

Dopo aver visitato la parte d’epoca, si passava al secondo target:

Destinazione stelle: Mostra temporanea interattiva

Attraversando il futuristico interno di un modulo della stazione spaziale internazionale si accede alla prima sezione della mostra dedicata all’esplorazione dello spazio. 

Di seguito interessanti esperimenti interattivi,ospitati in una seconda area, stimolano la curiosità  dei fenomeni astronomici.

Tra questi, come documentati da alcune immagini fotografiche, il temerario Chip si cimentava in un esperimento sulla gravità, provando in prima persona le forze centrifughe, centripete, volo rovesciato, vite piatta e quant’altro l’infernale marchingegno forniva.

Alla fine, visibilmente provato e dal volto arrossato (notate la rima non voluta!!), sbandando un po’, si rimetteva in formazione con gli altri, dirigendosi verso l’uscita, non senza prima firmare, il libro delle presenze, dove lasciavano ognuno la loro firma, a testimonianza futura dell’impresa svolta da alcuni piloti del 51° Stormo!!

Vista l’ora, si decideva di mangiare al ristorante del museo, dove la presentazione delle portate e la bontà dei piatti serviti, era inversamente proporzionale alla disposizione degli aerei!!

Sulla via del ritorno, un’altra fermata d’obbligo a Verona Villafranca, in un luogo dove un appassionato di oggettistica, divise, stemmi militari, passerebbe la giornata. Dopo uno shopping di stemmi, T-short, spille, cappellini, patch di stormo e altro, i nostri si separavano, salutandosi calorosamente (c’erano almeno 39°C!), si davano appuntamento al 2° Meeting del 51° Stormo presso l’aeroporto di Parma in occasione del AIRSHOW – MAP 2002 il 07-09-2002

(In alternativa, al Parco Tematico dell'Aviazione di Rimini)

Chip_EAF51

Foto di Chip

Foto di Bear