www.EAF51.org

 

 

 

 

 

D-Day, Sword Beach: Batterie di Merville (Normadia, Francia)

 

 

 

 D-Day, Sword Beach: Merville Batteries (Normandy, France)

 

 

Agosto 2014- August 2014

 

 

La batteria di Merville, situata tra Ouistreham e Cabourg, è restaurata e preservata così come si trovava la notte tra il 5 ed il 6 giugno 1944. E' composta da quattro bunker allestiti come museo. All'estreno si trova anche un DC-3 Dakota colorato con la livrea del D-Day. In uno dei bunker, ritornato come era all’alba del 6 giugno, ogni 20 minuti il visitatore puo’ rivivere in maniera impressionante e in immersione totale I minuti che hanno preceduto la neutralizzazione della batteria. Suoni, luci, fumi, odori si uniscono per permettere al visitatore di immergersi in un diluvio di ferro e fuoco, con un’atmosfera molto vicina a quella dell’alba del 6 giugno 1944.

 

La batteria di di Merville, situata dieci chilometri a nord-est di Ranville, era un nemico temibile. L'Intelligence riportò che la batteria era composta da quattro cannoni da 150 mm (in realtà erano quattro cannoni da 100 mm.)che avrebbero avuto un effetto devastante su Sword Beach e perciò era fondamentale che fossero distrutti. Ogni pezzo d'artiglieria era rinforzato da casematte in calcestruzzo, con muri spessi due metri, sopra i quali vi sono altri due metri di terra, e nelle quali si può accedere unicamente attraverso due porte d'acciaio posizionate su due lati di ogni casamatta. In queste condizioni un bombardamento aeronavale sarebbe stato troppo poco preciso e inefficace, perciò la soluzione migliore era un attacco diretto. L'estremità nord della batteria era protetta da un fossato anticarro, profondo quattro metri e lungo nove metri. Il resto della batteria era circondato da due cinte di filo spinato, di cui la cinta interna alta due metri e mezzo, tra le quali era stato creato un campo minato largo da un metro e mezzo a due metri e mezzo. La guarnigione, cannonieri e sentinelle, ammontava a centosessanta uomini, supportati con numerosi nidi di mitragliatrice e tre cannoni antiaerei da 20 mm.Il tenente colonnello Terence Otway, comandante del 9º Battaglione, aveva ideato un piano complesso per assaltare la batteria nemica.  Nell'eventualità di un fallimento, la nave da battaglia HMS Arethusa aveva l'ordine di aprire il fuoco sulla batteria alle 05:30, se non avesse ricevuto in tempo il segnale di successo dell'attacco degli uomini di Otway. La situazione era però critica per i britannici fin dall'inizio. Solo centocinquanta dei seicentocinquanta uomini previosti arrivarono sul posto al momento previsto per l'attacco, e non avevano jeep, armi anticarro, mortai, metal detector, personale medico, genieri o qualunque tipo di collegamento con la Royal Navy. Giunti sul luogo dell'attacco gli uomini scoprirono che il bombardamento aereo aveva completamente mancato il bersaglio ma gli esploratori avevano fatto un buon lavoro, segnando quattro vie attraverso il campo minato con i tacchi degli stivali, avendo perso i nastri per segnare la strada. Nell'oscurità la batteria non era facilmente individuabile e alcuni uomini finirono per errore sul campo minato. Le tre mitragliatrici tedesche aprirono il fuoco contro gli inglesi ma la mitragliatrice e i cecchini britannici coprirono bene i loro compagni, i quali riuscirono a raggiungere le casematte. Inizialmente i tedeschi furono presi alla sprovvista ma in seguito si riorganizzarono, illuminando l'area con un razzo e ordinando alla batteria di Cabourg di colpire direttamente il campo minato. Il combattimento si risolse in una lotta a corpo a corpo alle ore 05:30 a favore dei paracadutisti britannici. All'interno e all'esterno del bunker vi erano i corpi dei soldati morti e feriti ovunque. La guarnigione tedesca di circa 130 uomini alla fine ammontava a solo sei sopravvissuyi. Dei 150 soldati britannici del 9º Battaglione, 65 erano morti o feriti

 

The Merville Gun Battery was a German held fortification in Normandy which the Allies captured in the course of Operation Overlord , June 6th, 1944. The Merville Gun Battery, which had four 100mm calibre guns (the Allies thought it had 150mm guns), was within firing distance of Sword Beach, which was designated as a British landing zone. This was a danger to the forces which were to land at Sword Beach and their supporting fleet. Thus, the 9th Battalion of the British Parachute Regiment led by Lieutenant-Colonel Terence Otway were tasked with capturing and disabling Merville Gun Battery before the landings were due to take place on 6 June 1944. The complex operation was subject to severe setbacks. Only 150 of the 750 troops who were supposed to arrive actually reached the site after troops were dropped in incorrect locations up to ten miles from the intended drop zone. Furthermore, very few supplies reached these troops. Yet, despite these problems, Otway and his men managed to improvise a new plan and successfully neutralised the Merville Gun Battery just hours before the Normandy Landings began. German troops managed to return to the fortification in the afternoon, but it now had only two working guns and posed a much smaller threat to troops landing at Sword Beach. In any event, it was recaptured by the Allies once again on 7 June. Today, the Merville Gun Battery is open to the public as the Musée de la Batterie de Merville, which stands as a museum, a memorial and an educational site.

 

 

Musée de La Batterie de Merville
Place du 9ème Bataillon
14810 MERVILLE-FRANCEVILLE
Tel. : 0033 (0)2.31.91.47.53
Fax : 0033 (0)2.31.24.60.36
E-mail : museebatterie@wanadoo.fr
Web : www.batterie-merville.com

 

 

 

 

 

 

 

I bunker, restaurati e riportati alle condizioni originali

The restored bunkers

 

All'interno dei bunker vari diorami a grandezza naturale illustrano le fasi dell'attacco

Inside the bunkers the visitors can see some reconstruction of the battlefiled

 

Il Douglas DC-3 Dakota esposto all'esterno, colorato con livrea del D-Day

The Douglas DC-3 Dakota outside the bunkers, restored with D-Day colour pattern

 

 

 

 

Torna alla pagina precedente (indice Musei)

 

Back to previous page (Museum Index)